This forum uses cookies
This forum makes use of cookies to store your login information if you are registered, and your last visit if you are not. Cookies are small text documents stored on your computer; the cookies set by this forum can only be used on this website and pose no security risk. Cookies on this forum also track the specific topics you have read and when you last read them. Please confirm whether you accept or reject these cookies being set.

A cookie will be stored in your browser regardless of choice to prevent you being asked this question again. You will be able to change your cookie settings at any time using the link in the footer.

Ameba Pico
#1
[Image: 4206ab7abe0e582b85e681453a04794e.png]

Link di riferimento: [Only registered and activated users can see links Click here to register]

Torna il vostro Nue con la sua rubrica del faceto, parlandovi oggi di... Ameba Pico.

Si tratta di un virtual world con qualche quest e qualche giochino, in flash, accessibile da browser e collegabile all'account di facebook o giocabile direttamente da un applicazione interna ad esso.

"Smells like Habbo Hotel", alcuni direbbero, il che è sia vero che falso. Sebbene questo sia un pò più utilizzabile e guardabile, infatti, ci sono indubbiamente alcune features e alcuni problemi in comune.

In Ameba Pico hai un personaggino, che ti puoi personalizzare piuttosto bene spendendo i tuoi "Gummi", i tuoi token o i tuoi Gold per tutto il vario mondo.
Hai a disposizione diverse locazioni da andare a visitare a mo di "turista", oltre che una stanza da decorare come vuoi, sia attraverso mobili prefabbricati, sia con dei "pezzi" assemblabili con cui puoi costruire la qualunque. Poi, diversi "parchi" dove andare ad incontrare gente con degli interessi o dei gusti mirati.
Infine puoi organizzare diversi party a casa tua per renderla visibile e intrudibile da tutti.

A differenza di Habbo, Ameba Pico non ha un granchè di limitazioni. Ha un filtro per il linguaggio scorretto (aggirabile facilmente usando una tastiera giapponese e scrivendo romanizzato, a quanto pare), ma puoi avere quanti amici e quanti oggetti ti pare. Mi pare il minimo, direi. Inoltre, anche senza dover pagare o essere dei membri senior, è assai più personalizzabile.

In giro per il mondo ci sono diverse piccole missioni da fare nel caso si muoia di noia e si cerchi qualche reward in vestiti o altre cose. Spesso sono eventi a tema.
C'è anche un casino con tanto di roulette, slot e blackjack, e diverse piazze per giocare giocatore contro giocatore a diverse cosucce, dal tris al memory, carta forbice e sasso o reversi.

Puoi comprare cose con cui interagire tutti insieme (bevande, cibo ecc) che ti puoi portare in tasca e sfoggiare al momento giusto.
I Gummi, la moneta "gratis" di Ameba Pico, possono essere guadagnati pagando, finendo le varie missioni, o ricevendo "props" e "rings", ovvero un altro giocatore ti vede per strada e ti trova abbastanza cool da fartelo sapere con un bel pollice su, o entra in casa tua e suona una campanella.

Problema 1: Sei SEMPRE povero su Ameba Pico. Guadagnare i Gummi non è per niente semplice e perde di attrattiva il tutto piuttosto velocemente senza possibilità di comprare cose.

Problema 2: Ci si annoia. Ci si annoia in fretta, in particolare se non si conosce nessuno.
Credo che l'unica volta che mi son mai divertito in quel posto sia stata quando è entrato un mio amico e ha deciso di girare con l'avatar in mutande a trolleggiare in giro facendo la gestualità arrabbiata fingendo di spaccare i mobili e saltellando qua e la senza senso cercando di litigare con i suoi abitanti urlando "I'm naked and angry!!!"

Problema 3: Gli abitanti. Sono spesso molto giovani, e anche quando non li sono, sono spesso privi di senso dell'umorismo e di voglia di interagire più di tanto. Il che in un posto creato per interagire è un pò seccante.
Spesso si conoscono a gruppetti e come tali vanno in giro, ignorando tutti gli altri. Rare eccezioni possono cambiare l'esito di una serata... una su mille.

Ogni tanto lo apro però... Sono ancora qui che mi domando perchè.
- Quando è così, non è un pò triste? Voglio dire, dov'è il contatto? E' come stare in una stanza piena di tuoi ritratti, tutti imprecisi... a volte è divertente, e gratificante... altre volte alienante e spersonalizzante...
- Già, però è normale.
Reply
#2
(27-01-2011, 08:20 AM)Nue Wrote: Ogni tanto lo apro però... Sono ancora qui che mi domando perchè.


perchè sei gatcha dipendente. come me del resto XD


(i gatcha sono le classiche bolle con le palline in cui inserisci una monetina e ricevi un premio a caso. in questo gioco spendi 100 gummi e ricevi un premio. ce ne sono decine, sparse in tutte le stanze e regioni, ognuna a tema con il luogo in cui si trova. contengono oggetti non acquistabili in altro modo ..per cui spesso si dilapidano intere fortune di gummies solo per avere il trofeo, lol)

Shocked There was a signature here... It's gone now.
Shocked
Reply
#3
Già il titolo mi ripugna lol, poi il tuo post mette definitivamente la parola NO su Ameba Pico...
Reply
#4
(28-01-2011, 13:35 PM)Trilly Wrote: Già il titolo mi ripugna lol, poi il tuo post mette definitivamente la parola NO su Ameba Pico...

Eppure posso assicurarti che ho visto di molto peggio, e non manchero' di sottoporvi alla creme de la creme del disgusto...
Giusto per ribilanciarsi un po' in merito al panorama esistente e dare un giudizio piu' obiettivo su un lavoro che, nel caso di Ameba Pico, e' anche stato fatto in realta' piuttosto bene.
- Quando è così, non è un pò triste? Voglio dire, dov'è il contatto? E' come stare in una stanza piena di tuoi ritratti, tutti imprecisi... a volte è divertente, e gratificante... altre volte alienante e spersonalizzante...
- Già, però è normale.
Reply
#5
Games from hell!
[Image: boardgames.jpg][Image: Clipboard01.jpg][Image: out-runner-irl.gif]

Reply
#6
Aggiornamento:

Ameba Pico e' un progetto ufficialmente abbandonato, smantellato, morto.

Ne esiste tuttavia la versione originale giapponese, che gode tutt'ora di buona salute, insieme ai suoi sottogiochini da psicosi: [Only registered and activated users can see links Click here to register]
- Quando è così, non è un pò triste? Voglio dire, dov'è il contatto? E' come stare in una stanza piena di tuoi ritratti, tutti imprecisi... a volte è divertente, e gratificante... altre volte alienante e spersonalizzante...
- Già, però è normale.
Reply


Forum Jump:


Users browsing this thread: 1 Guest(s)
Welcome, Guest
You have to register before you can post on our site.


  

Password
  





Online Users
There are currently 12 online users.
» 0 Member(s) | 12 Guest(s)